Non varcate quel cancello…

giugno 19, 2009

Ecco, la cazzata del mese l’ho fatta, archiviata ieri, ora posso andare avanti, che ne dite?

come è andata a voi ieri?

A me ……… una tragedia!
Il mio piccolissimo cervello pieno di neuroni in vacanza alle baleari e di sensi di colpa dovuti ad un mese pieno di lavoro hanno concepito l’idea che ogni mamma non dovrebbe neanche sfiorare: OGGI PORTO MIO FIGLIO A GARDALAND
Per migliorare la situazione ho deciso di ……….. PORTARCI ANCHE I SUOCERI.
—Piccola parentesi
Noi siamo una simpatica e allargatissima famiglia molto anni 2000, fatta da primi mariti, seconde mogli, cognate, sorellastre, genitori emigrati dovunque e nipoti che manco conosciamo
———-fine della parentesi
Bon dicevo, decido di portarmi dietro mio suocero, esemplare maschio di NONNUS GUERRAE, quel nonno nato a ridosso o dopo la guerra, che conta tutto ancora in lire ma soprattutto CONTA TUTTO, che alle 12 deve avere le gambe sotto il tavolo e se non hanno gli spaghetti o la cotoletta allora che cazzo di ristorante è (detto magari seduti al tavolo di un Mac donald…), mia suocera, moglie in seconda del suddetto nonno, che non contento di aver sposato in prime rovinose nozze una americana, ne ha sposata un’altra ma di origine polacca, donna favolosa e di una calma che rasenta la narcolessi che riesce a trovare tutto FAVOLOSO… credo non sappia dire altro in italiano.
allora … partiamo.E’ risaputo che io guido come un cane ubriaco, ok, però mio suocero decide di prendere comunque 2 auto perchè lui con un bambino vicino che piange il viaggio non lo fa…
OK.
SUOCERO:”Seguite me mi raccomando”
Alla barriera di Bergamo noi lo perdiamo e mentre lui gira per “Torino” (ancora mi chiedo dove volesse andare visto che mi aveva detto SE CI PERDIAMO CI VEDIAMO ALL’USCITA DI PESCHIERA DEL GARDA) noi andiamo garrule e felici (naturalmente mia figlia figurati se piange, ha solo discusso tutto il viaggio -180 lunghissimi km- con me su chi fosse Prezzemolo…dinosauro o drago? chi è la mamma? e il papà? dove vive? dove vivono i genitori? cosa fa ? dove va all’asilo? come mai è verde? … CIA NON PERDETE SOLDI IN MACCHINARI PER IL PERFETTO INTERROGATORIO, VI PRESTO MIA FIGLIA) arriviamo a Gardaland un’ora prima dei suddetti nonni.
Arrivati anche loro mio suocero tuona che paga TUTTO LUI.
FIGATA!
Scoperto il costo del “tutto” mette un muso fisso dalle 10.20 alle 19 (ora di ritorno a casa) e tuona che lui ha caldo.
Si siede quindi sotto una pianta e obbliga la moglie a seguirlo…
Noi invece partiamo alla scoperta di Gardaland, divertentissimo per carità ma pieno di insidie che ora vi indicherò così da risparmiarvi i miei stessi problemi:
-ATTENZIONE all’albero di Prezzemolo, è stato diviso in due parti da un costruttore di giostrine folle, che esasperato dal tono melenso di tutto l Fantasy Kingdom ha deciso di buttarci dentro un pizzico di puro terrore… Praticamente quello che inizia come un simpatico siparietto sulla vita del suddetto Prezzamolo si rivela una giostra su mostri e fantasmi… Fungo è uscita in lacrime e convinta che Prezzemolo sia una creatura demoniaca.
-A gardaland l’acqua vale più dell’oro, ho visto persone che vendevano la fede nuziale per comprarne un pò
Quindi, portatevela da casa, meglio se sotto forma di ghiaccio visto che si scioglierà pian piano. Se poi volete ammortizzare la spesa, vendetela sottobanco tipo pusher….secondo me fate affari d’oro!
-A Gardaland non sanno cosa sia il bancomat…ho dovuto spiegare io a due ragazzine messe dietro ad una cassa come fare a far funzionare il POS… Inoltre dove vendono la preziosissima acqua non lo conoscono proprio…Quindi armatevi di tanti soldi ma … attenzione al prossimo punto!
-A Gardaland sulla maggior parte delle giostre non puoi salire con gli zaini, ma sarai invitato a depositare il tuo, ripieno di tutti i soldi che sei riuscito a portare per comprare la costosissima acqua e ad entrare senza.
Lo ritroverai all’uscita?
mmmm
-Gardaland è convenzionata o forse addirittura pagata dall’associazione dentisti. Non c’è un alimento che non conotenga zucchero, addirittura inventano un modo per ricoprire di zuccherini lo zucchero… e convincete voi vostra figlia a mangiare la mela che avete portato da casa…
Nota positiva: Una giornata con Fungo.
E questo ripaga di tutto. Delle code, del casino, dei nonni piattola, dei prezzi, dello zucchero ingurgitato e quindi del mal di pancia del giorno dopo. Di tutto.
Vedere la tua piccina entusiasta che ti tiene la mano e ti trascina ovunque, vederla addormentata nel sedile dietro dell’auto con in una mano il Prezzemolo-nonsonocattivo e nell’altra i rimasugli dello zucchero a velo rosa e sul bellissimo faccino stravolto un sorriso da parte a parte…
beh, vale la giornata
Però … la prossima volta ci vado a Dicembre!

Annunci